Erasmus +

Programma Erasmus+ Call 2018 KA2
Anni Scolastici 2018-19 e 2019-20
– Partenariati Strategici per Scambi tra Scuole – Settore Istruzione Scolastica –

CUP B33H18000090005 Codice Progetto 2018 – 1 – IT02 – KA229 – 047986 – 1

Titolo del Progetto: “European Heritage: opening minds for integration and progress”.

Erasmus+ – a.s.2018-2019 – Autorizzazione all’attuazione del progetto

Presentazione Erasmus+ka229 in ppt

Kick off Meeting a Balkenberge – Belgio dal 24 al 26 ottobre 2018

Partecipanti:
Italia : Prof.ssa Ciocca Giuseppina Giovanna
Belgio: Prof. Wouter e Prof.ssa Pets
Polonia: Prof.ssa Dryl Malgorzata e Prof. Kristoff

Per definire Calendario degli Incontri e attività

  1. Mobilità in Spagna – Baza presso l’Istituto IES Jimenez Montoya: dalla domenica 3 febbraio 2019 al sabato 9 febbraio 2019 – 6 studenti e 2 docenti
  2. Mobilità in Polonia- Grudziadz – presso il Liceum Ogolnoksztalcace: dalla domenica 24 marzo 2019 al sabato 30 marzo 2019 – 6 studenti e 2 docenti
  3. Mobilità in Italia- Campobasso presso il Liceo Scientifico M.Pagano: dalla domenica 6 ottobre 2019 al sabato 12.10.2019 – ospiti = 18 studenti e 6 insegnanti
  4. Mobilità in Belgio – Blankenberge presso Sint Pieter Sint Iozef: dalla domenica 16 marzo al sabato 21 marzo 2020 – 6 studenti e 2 docenti

Spagna – Baza : Mappatura del nostro patrimonio Culturale
Preparazione: ambito propria regione

  1. 2 leggende
  2. Il dialetto della regione: influence da fuori regione? Es. poesie, canzoni, proverbi,espressioni,detti,ecc.
  3. Folklore, musica, costumi, balli + il significato ed il nesso col passato
  4. Cibo e bevande non alcoliche (se ve ne sono)
  5. Festività locali
  6. Artigianato ad es. merletti, ricami, strumenti musicali, coltelleria, ecc.
  7. Giochi e sport – non solo quelli del passato ma anche quelli di oggi

Prodotto: n.2 video di 2:30

Durante la mobilità

  • Creazione di una mappa interattiva;
  • Presentazione dal vivo di 1 leggenda (10-15 min.) (gli studenti dovranno preparare la presentazione a scuola propria, a CB);
  • Lingua propria (15-20 min. coinvolgendo il pubblico con esercizi che coinvolgano gli studenti ad es. puzzle, giochi,compiti linguistici, ecc. – ad es. gli studenti Polacchi insegneranno dei vocaboli in polacco e faranno degli esercizi in cui gli altri studenti devono indovinare il significato, oppure far esercitare la pronuncia, oppure fare dei cruciverba (es. significato inglese parola in lingua originale), scelta multipla del significato;
  • Dibattito sulle analogie e differenze delle 7 tematiche nei 4 paesi in gruppi misti;
  • Visita a luoghi significativi per il progetto;
  • Creazione di una capsula del tempo;
  • Organizzazione della piattaforma eTwinning e di Google drive;
  • Gli insegnanti avranno modo di incontrare esperti del mondo della formazione per parlare di particolari progetti o programmi;
  • Valutazione delle attività da parte di studenti e docenti , non solo con questionari, è la scuola ospitante a scegliere la modalità della valutazione (sondaggio online, sondaggio con carta, ecc.) e a fare il resoconto;
  • I docenti sceglieranno 5 domande per il sondaggio circa il problema dell’esclusione (in ambito scolastico) che ogni partner deve fare per la mobilità in Polonia. Tipo di esclusione : di genere, economico, religione, sesso, origine, aspetto, pelle, contesto familiare. I risultati dell’esclusione: abbandono scolastico, bullismo, depressione, problemi psicologici, solitudine, e In Spagna gli insegnanti decideranno le domande per il sondaggio sarà presentato in Polonia, quindi il sondaggio dovrà farsi tra la riunione di Baza e quella di Grudziadz.

Prodotto 2
La mappa interattiva con i video; i docenti prepareranno un documento sulle buone pratiche di didattica inclusiva

Polonia – Grudziadz : Agire contro l’esclusione ed il pregiudizio

Preparazione

Prima dell’incontro ogni paese deve:
1. Registrare una leggenda nella lingua propria e in lingua inglese ; l’ upload su Google drive nel proprio folder , se volete potete aggiungere un file musicale ( con licenza aperta). Scadenza 10 marzo 2019 il format del video dovrà essere in wave (.wav) e la qualità deve essere alta, per la musica potete creare un documento (su Google drive) con il link della canzone che la collega polacca scaricherà, questo servirà per l’audiobook.

Questo è il link che si può usare per scaricare la musica senza infrangere i diritti d’autore: www.jammendo.com/

  1. Uplodare anche il testo della leggenda nelle due lingue su Google Drive e gli studenti possono anche aggiungere immagini o disegni . Per le immagini riferirsi al seguente sito:htpps://pixabay.com/en
  2. Portare i risultati del sondaggio in PPT ( gli studenti faranno la presentazione (5 min) e discussione dei risultati in gruppi misti

Durante la mobilità :

1 giorno: Presentazione dati sondaggio (5min), discussione sui risultati in gruppi internazionale.

2 giorno: workshop sulle sule strategie di pubblicità e di marketing (con attività pratiche) – docenti e studenti – il risultato del workshop sarà: volantini, e/o poster ( o campioni di esse) per la campagna di sensibilizzazione basata sui risultati del sondaggio.

3 giorno: continuazione della campagna;
discussione tra docenti e studenti sulla modalità di disseminazione della campagna di sensibilizzazione nella propria realtà territoriale;
presentazione delle idee progettuali agli altri gruppi;
visita a luoghi rilevanti per il progetto a Grudziadz;

4 giorno: visita a luoghi rilevanti per il progetto e menzionati nella mappa interattiva

5 giorno: valutazione delle attività;
i docenti assisteranno a delle lezioni e valuteranno le buone pratiche;
idocenti creeranno documenti di buone pratiche e di didattica inclusiva;

Prodotti: campagna di sensibilizzazione, audio-book ed e-book delle leggende; i docenti produrranno un documento delle buone pratice e di didattica inclusiva.

Italia – Campobasso: Cittadinanza Europea per favorire l’inclusione
Belgio –Blankenberge : Costruire l’integrazione Europea

Selezione degli studenti
Inviare la lista dei 6 studenti selezionati al paese ospitante almeno un mese prima della mobilità (Via mail non Gdrive)

Informazioni da considerare

  • nome e cognome;
  • sesso;
  • data di nascita;
  • email;
  • cellulare;
  • allergie ed altre osservazioni specifiche , ad es. vegetariano, vegano, ecc.

Criteri di selezione (6 studenti e 2 docenti per mobilità)

  • disponibilità a viaggiare e ad ospitare;
  • presentazione richiesta di partecipazione;
  • età 15-18 (preferibilmente 16-17);
  • competenze in lingua inglese e computer;
  • disponibilità ad apprendere;
  • inclinazione alla tolleranza e con senso di responsabilità;
  • priorità a studenti che non hanno mai partecipato a progetti erasmus +;
  • priorità a studenti che non hanno opportunità ad andare all’estero.

Info Utili per la famiglia ospitante

  • allergie, problemi alimentari, ai pet;
  • se ragazzo o ragazza;
  • email dei twin

In generale

Documentazione

  • La scuola ospitante registra con filmati le attività durante la mobilità;
  • Il filmato sarà presentato durante la mobilità successiva;
  • Alla fine del progetto la scuola coordinatrice assembla tutto

Attività dei docenti

  • Preparazione mobilità successiva;
  • Valutazione delle attività;
  • Valutazione delle buone pratiche;
  • Incontro con staff e esperti;
  • Creazione di un angolo Erasmus a scuola;
  • Integrare gli argomenti inerenti il progetto nel curriculum scolastico;
  • Informare la comunità ed i media del progetto;
  • Organizzare incontri con : istituzioni scolastiche locali e con responsabili per l’integrazione e l’inclusione.

Verbale“Mapping our Cultural Heritage” – Mappatura del nostro Patrimonio Culturale
– I° incontro a Baza – Spagna 4-8 Febbraio 2019 –

Participanti :
6 studenti e 2 docenti accompagnatori  da ogni paese partner (Belgio, Italia e  Polonia ) + 18 studenti ospitanti  e  10 insegnanti

Attività
Lunedì  4 : Esplorare e scoprire il patrimonio Culturale per aprire la mente e per rafforzare     la comprensione interculturale:

  • Attività di accoglienza i  (trova qualcuno che… e scrivi il suo nome);  Presentazione del programma
  • Un gruppo folk del luogo presenta balli tradizionali, spiega il loro significato , presenta i costumi  e gli attrezzi
  • Questionario iniziale sull’Europa,sull’Unione Europea, il Progetto  Erasmus : Titolo, obiettivi, partner ,  per testare la conoscenza die vari studenti coinvolti , ecc.
  • Degustazione colazione tipica
  • Presentazione video (gli studenti di ogni paese partner presentano i video realizzati in precedenza per illustrare gli aspetti salienti del proprio patrimonio culturale locale)
  • Gli studenti in gruppi internazionali individuano analaogie e differenze e raccolgono i dati in poster che presentano
  • Caccia al tesoro : gli studenti  vanno alla ricerca dei siti proposti e fanno foto del gruppo partecipante  Poi ciascun gruppo sceglie  tre date dei siti trovati  e indiduano gli eventi  importanti  occorsi nella propria realtà    locale in tali date e delineano la linea del tempo.

Martedì 5: Sviluppare le competenze chiave, rafforzare la comprensione interculturale, evidenziare le tradizioni orali e le lingue native

  • Completare i poster riguardanti le similitudini e le differenze; creare mappe interattive con Scribble App and presentazioni delle stesse
  • Workshop con decorazioni dell‘ Alhambra su piastrelle in stucco
  • Presentazioni dal vivo di leggende e miti, l’Italia presenta la leggenda di Delicata Civerra e Fonzo Mastrangelo al  Cinema  Ideal
  • Corso intensivo di  Polacco, , Spagnolo, Italiano e  and Flammingo
  • Gioco a scacchi

Mercoledì 6: Alla scoperta di dell’Alhambra Granada e dei suoi dintorni:

  • Visita guidata dell’Alhambra

Giovedì 7:

  •  Esplorare i paesaggi e gli habitat del sud della Spagna
  •  Visita guidata di Guadix
  •  Ricevimento al Municipio di Guadix da parte del Sindaco
  •  Ballo:2 artisti presentano il falamenco al al cinema  IDEAL e gli  studenti e gli insegnanti si cimentano in detto ballo

Venerdì  8

  •  Cittadinanza europea e comprensione interculturale
  •  Gli Studenti in gruppi  Internazionali fanno  do quizz sulla storia ed identità europea  e delineano una linea del tempo e realizzano delle  capsule del tempo da usare per la disseminazione una volta a casa
  • Una rappresentante della  Europe Direct di Granada  tiene un seminario sul programma Erasmus + e sulle opportunità che esso offre
  • Gli studenti  compilano il questionario per valutare le attività svolte.
  • Cerimonia di chiusura del progetto.

Sabato  9

  • Partenza delle varie delegazioni

Durante  detto incontro gli insegnanti  partecipanti:

NamePosition/ TitleOrganization
Elisa    LopezErasmus+ CoordinatorIES P. Jiménez Montoya, in Baza, Spain
Samuel GonzalezTeacherIES P. Jiménez Montoya, in Baza, Spain
Malgorzata DrylErasmus + coordinatorI Liceum Ogolnokstalcace –Grudziadz, Poland
Marta GajewskaTeacherI Liceum Ogolnokstalcace –Grudziadz, Poland
Wouter DelaereErasmus + coordinatorSint Jozef-Sint Pieter- Blankenberge- Belgium
Kateljine VerbekeTeacherSint Jozef-Sint Pieter- Blankenberge- Belgium
Giuseppina Giovanna CioccaErasmus + coordinatorLiceo Scientifico Mario Pagano, in Campobasso, Italy
Raffaella PalermoTeacherLiceo Scientifico Mario Pagano, in Campobasso, Italy

Hanno svolto le seguenti attività:

  • Hanno esaminato l’agenda dell’incontro, hanno esaminato gli obiettivi da conseguire,il lavoro svolto, hanno programmato gli eventi successivi per  l’attività C2 ed il questionario per il sondaggio sui problemi  dell’esclusione scolastica  da rivolgere a 100 studenti della propria realtà scolatica: hanno individato  5 quesiti
  • Hanno esaminato la gestione del progetto e la sua disseminazione: è stato rilevato che è importante dare dovuta evidenza a ciò che si fa  e che occorre evidenziare il support europeo.
  • I docenti hanno svolto un workshop su:

Etwinning cosa occorre fare per registrarsi sulla piattaforma su cui occorre immettere I dati relative alla propria scuola e le attività preparate per il 1° incontro di progetto; t

Mobility tool: E’ stato chiarito che ciascun partner può immettere dati sulla piattaforma soltanto dopo che il coordinatore ha creato le varie sezioni.

  • Hanno  provveduto a valutare le attività di  progetto
  • Hanno provveduto a definire le cose da fare per la Polonia.
  • Summing-up Reflections

Cosa fare prima dell’incontro in Polonia  :

I docenti hanno stabilito  che prima dell’incontro in Polonia occorre:

  • Implementare lo spazio Etwinning  ( presentazione della scuola, attività del primo incontro di progetto)
  • Implementare il Mobility tool dopo la  creazione delle varie sezioni (da parte del coordinator)
  • svolgere il sondaggio sull’ inclusione/esclusionea scuola somministrando il questionario condiviso a circa 100 studenti)
  • Portare I risultati in Polonia in PPT (max 5 min)
  • Registrare una leggenda sia in lingua madre che in inglese e produrre un audio-book e un ebook da  inviare in Polonia per il  10 di marzo; inviare anche il testo della leggenda per la stessa data;
  • Per la Graphic Novel gli student  dovranno evidenziare 3 alalogie e 3 differenze  presso le famiglie

In  Polonia  :

  • Presentazione del sondaggio e discussione
  • Workshop sulle strategier di marketing e di pubblicità con la prodiuzione di volantini , opuscoli poster da usare per la campagna di sensibilizzazione  dell’inclusione sociale nella propria realtà locale
  • Produzione del logo del progetto previo seminario su come realizzare un logo
  • Visite a luoghi rilevanti per arricchire la propria conoscenza del patrimonio cultural
  • Attività di valutazione
  • Attività atte a favorire lo sviluppo dell’inclusione

Minutes “C2: Actingagainstexclusionand prejudice“

–  2° incontro di progetto a Grudziadz – Polonia 24-29 Marzo 2019 – 

Participanti :
6 students e 2 docenti accompagnatori da ogni paese partner  (Belgio, Italia e Spagna ) + 18 studenti ospitanti e 6  insegnanti  (per l’Italia hanno partecipato gli alunni: Gaia Fiorino, Antonella Scrocca, Marco Della Ventura, Christopher Luciani, Michele Daniele, Marco Romanella)

Attività:

Lunedì 25 (Aperti alla gente, alle culture e all’apprendimento):

  • Cerimonia di accoglienza; gli studenti polacchi presentano : una breve storia della Polonia e della propria scuola; cantano  „Imagine“ di J. Lennon; e presentano  i siti polacchi dell‘ Unesco .
  • Presentazione ufficiale di ciascuna delegazione;
  • Visita della scuola
  • Gli insegnanti discutono sull’utilità dei device digitali
  • Gli studenti vengono impegnanti in una caccia al tesoro per scoprire i siti salienti della città di Grudziadz anche i docenti fanno una visita guidata della città;
  • Ciascuna delegazione presenta i risultati del sondaggio sull’esclusione scolastica condotto nella propria realtà scolastica in precedenza; poi divisi in 5 gruppi gruppi misti, ad ogni gruppo viene assegnato uno dei 5 quesiti del sondaggio per rilevare similitudini e differenze fra i paesi partner , ed hanno dovuto raccogliere i risultati in un poster. Dalla disamina è emerso che tutti i paesi usano le stesse strategie per  prevenire l’esclusione: la presenza di consulenti  ed assistenti  scolastici; che l’Italia ed il Belgio adottano le stesse soluzioni per affrontare il problema della discriminazione , vale a dire incontri con genitori e studenti e con psicologi ed esperti; mentre la Polonia e la Spagna oltre ad usare quanto detto si avvalgono anche di lavori di gruppo e di peer work;  per quanto riguarda i principali fattori di discriminazione per  Spagna e Polonia sono  l’orientamento sessuale e le differenze di genere;  mentre per l’Italia e il Belgio sono le disabilità e l’aspetto fisico;  le  conseguenze principali della discriminazione sono la solitudine e la depressione per l’Italia, Belgio e Spagna,  la mancanza di fiducia in sé stessi per l’Italia, abbandono scolastico precoce, abbandono della propria casa, dipendenze, autolesionismo per Spagna e Polonia. Per quanto riguarda le reazioni delle persone che assistono a casi di discriminazione, in Italia la gente tende a proteggere la persona discriminata, mentre in Belgio  tende a sostenere il bullo,  in Polonia la gente non mostra alcun interesse,  invece in Spagna la gente non fa nulla perché aspetta che qualcun altro faccia qualcosa.  Gli studenti poi vengono divisi in 5 gruppi  internazionali e ad ogni gruppo viene affidato uno dei  5 quesiti  del sondaggio ed essi hanno dovuto individuare le similitudini e le differenze tra i paesi partner  e presentarle in un poster .

Martedì 26

  • Gli studenti di ciascuna scuola partner presentano un audio book ed un ebook di una leggenda realizzati in precedenza   in lingua inglese e in lingua madre. Gli studenti italiani presentano la leggenda di Delicata Civerra e Fonzo Mastrangelo. Dopo detta presentazione gli studenti divisi in 4 gruppi internazionali , hanno dovuto esaminare un audio book/ebook e variando i personaggi, il contesto, ecc.  hanno dovuto produrre un nuovo racconto internazionale.
  • C’è stata poi un’attività laboratoriale sui logo: cosa sono e come realizzarli; quindi gli studenti in gruppi misti hanno dovuto pensare e realizzare un logo per il proprio progetto Erasmus, tenendo conto dei criteri dati ,e presentarli..
  • I docenti programmano l’incontro successivo: date, contenuti  e compiti da svolgere prima, durante e dopo.
  • I docenti analizzano I logo proposti , li valutano e scelgono il migliore
  • Sia gli studenti che I docenti svolgono attività di integrazione.

Mercoledì  27  

  • Il coordinatore polacco presenta il logo scelto e ne spiega I motivi. Per fornire agli studenti utili strumenti per  organizzare una efficace campagna di sensibilizzazione contro l’esclusione sociale nel proprio territorio,   si è tenuto un workshop   sulle strategie di marketing,  e sulla pubblicità : esempi di campagne di marketing di successo,  elementi da considerare per una campagna efficace (una campagna deve essere unica, motivante, attraente, ed orientata al risultato), i fattori da considerare : il target di riferimento, il brand , il logo, lo slogan, la visual identity (forma, colore, carattere) da usare dovunque; il materiale per la disseminazione (volantini, brochure, memes, podcast, video, articoli, adesivi),  i social media ed i media.  Si è tenuta anche la presentazione di come si può realizzare un volantino efficace.
  • Gli studenti organizzati in gruppi nazionali hanno discusso ed hanno dovuto ideare e  pianificare la propria campagna di sensibilizzazione  indicando il target, lo slogan, i media ed i social media, i luoghi ed i tempi  e poi
  • Gli stessi hanno dovuto individuare le caratteristiche di un volantino efficace ed il modo per realizzarlo ed hanno dovuto crearne uno per la propria campagna contro l’esclusione

Giovedì    28

  • Visita guidata di Torun del centro storico medieval con la presenza di un Cavaliere Teutonico
  • Visita al museo del Gingerbread. Quì sia I docent che gli studenti hanno avuto modo di apprendere la storia del pan di zenzero , conoscerne gli ingredienti e di cimentarsi nella sua preparazione.

Venerdì 29

  • Visita al municipio della città , dove il segretario comunale ha incontrato le varie delegazioni ed ha illustrato l’importanza di questi scambi  che dovrebbero essere potenziati in quanto strumento per infondere  una maggiore consapevolezza di essere cittadini europei.
  • Gli studenti in gruppi misti lavorano sulle similitudini e differenze comportamentali fra I vari paesi partner, le raccolgono  e le presentano
  • I docenti partecipano ad una lezione di lingua inglese e discutono con gli studenti e docenti dei vari sistemi scolatici considerando i pro ed i contro
  • Valutazione delle attività del progetto
  • Cena di commiato.

Sabato 29: Partenza delle varie delegazioni.

I docenti partecipanti

NamePosition/ TitleOrganization
Isidoro Laso PérezErasmus+ DocenteIES P. Jiménez Montoya, in Baza, Spain
Jaime Fernàndez GianzoDocenteIES P. Jiménez Montoya, in Baza, Spain
Malgorzata DrylErasmus+ coordinatorI Liceum Ogolnokstalcace – Grudziadz, Poland
Marta GajewskaTeacherI Liceum Ogolnokstalcace – Grudziadz, Poland
Anna KłodawskaTeacherI Liceum Ogolnokstalcace – Grudziadz, Poland
Tomasz RoszykTeacherI Liceum Ogolnokstalcace – Grudziadz, Poland
Elza PetsErasmus+ docenteSint Jozef-Sint Pieter- Blankenberge – Belgium
David DyardinDocenteSint Jozef-Sint Pieter- Blankenberge – Belgium
Giuseppina Giovanna CioccaErasmus+ coordinatoreLiceo Scientifico Mario Pagano, in Campobasso, Italy
Maria Carmen PettarelliDocenteLiceo Scientifico Mario Pagano, in Campobasso, Italy

hanno esaminato  quanto svolto, hanno  pianificato  le attività da svolgere per l’attività  “C3 Cittadinanza Europea per sollecitare l’inclusione”  a Campobasso  dal 13 al 19 ottobre 2019  ed i tempi  di realizzazione:

Gli Studenti per detto incontro

  • Presenteranno I risultati della campagna di sensibilizzazione per favorure l’inclusione sociale;
  • Presenteranno eventi passati che hanno contribuito a delineare la nascita e lo sviluppo della Unione Europea;
  • Individueranno I meccanismi che l’UE usa per favorire l’inclusione e produrranno un artefatto digitale per mostrare le proprie conclusioni;
  • Saranno a conoscenza di esempi passati di intolleranza che hanno caratterizzazto la storia nazionale per poi discutere  dei meccanismi di discriminazione e di esclusione;
  • Provvederanno a disseminare le loro conclusioni  usando la piattaforma Etwinning;
  • Incontreranno esperti che parleranno delle istituzioni e delle strategie adottate per superare l’intolleranza;
  • Incontreranno rappresentanti locali che mostreranno ciò cha fanno per promuovere l’inclusione sociale
  • Fettueranno visite guidate presso luoghi significativi ed inerenti all’argomento e per favorire  la conoscenza del patrimonio culturale  .

I docenti

  • Avranno la possibilità di incontrare esperti di scuole all’avanguardia per acquisire stategie, approcci didattici innovative  finalizzati a motivare gli studenti    e ad  evitare  l’abbandono scolastico precoce
  • Decidono anche la data per l’incontro finale del progetto da tenersi a Blankenberge – Belgio dal 16-20 marzo 2020.

Le attività hanno sicuramente contribuito ad accrescere la motivazione degli studenti ad apprendere,  le loro competenze chiave , il loro senso di essere cittadini europei  ma soprattutto il loro senso di solidarietà e di accettazione del punto di vista dell’altro. . Anche gli insegnanti hanno avuto modo di accrescere  la propria professionalità nel condividere   le buone pratiche , nell’uso di nuovi  approcci e  di nuove strategie didattiche.

Minutes “European Heritage: Opening minds for Integration and progress

Minutes “C3 – European Citizenship to foster inclusion”

3° incontro a Campobasso – Italia 14-18 Ottobre 2019:

Participanti :

NamePosition/ TitleOrganization
Laura Gallego CanabateTeacherIES P. Jiménez Montoya, in Baza, Spain
Samuel Gonzalez RubioTeacherIES P. Jiménez Montoya, in Baza, Spain
Malgorzata DrylErasmus+ coordinatorI Liceum Ogolnokstalcace – Grudziadz, Poland
Anna KłodawskaTeacherI Liceum Ogolnokstalcace – Grudziadz, Poland
Esther DebaereTeacherSint Jozef-Sint Pieter- Blankenberge – Belgium
Giuseppina Giovanna CioccaErasmus+ coordinatoreLiceo Scientifico Mario Pagano, in Campobasso, Italy
Gianna PasqualeTeacherLiceo Scientifico Mario Pagano, in Campobasso, Italy
Lucia AugelliTeacherLiceo Scientifico Mario Pagano, in Campobasso, Italy
Mariapina GrassiTeacherLiceo Scientifico Mario Pagano, in Campobasso, Italy
Maria Carmen PettarelliTeacherLiceo Scientifico Mario Pagano, in Campobasso, Italy

Luogo e data: Liceo Scientifico Mario Pagano,Campobasso – Italia dal 14-18 ottobre 2019

Attività: Incontro di progetto tra docenti

  • Martedì 15 ottobre 2019 (dalle 17.00 alle 19.00)Incontro di progetto transnazionale:
    Presentatione degli argomenti dell’odg
    Revisione del progetto : obiettivi
    Esame del lavoro svolto
    Pianificazione dell’incontro finale : “C4 Costruire l’integrazione europea”, a Blankenberge- Belgio- 16-20 marzo 2020 (date confermate):
  1. Realizzazione di una a graphic novel
    Ciascuna delegazione:
    elabora un racconto di una qualsiasi intolleranza o forma di esclusione,ad es. razzismo, religione,.., realmente verificatasi nel proprio paese, evidenziando la reazione da parte del proprio paese e da parte dell’Europa
    Prepara figure/ disegni (può essere una combinazione di entrambi),  (min 12 / max 18: formato A4), prepara fumetti ( sia in inglese che in italiano).
    Utilizza un narratore e diversi personaggi .
    Le quattro graphic novel saranno diverse , ma il finale sarà lo stesso.
    Per il racconto occorre fare riferimento ai risultati della campagna di sensibilizzazione contro l’esclusione. Il finale non dovrà necessariamente essere positivo.
  2. In Belgio ciascuna delegazione presenterà il proprio racconto e le altre cercheranno di cogliere il messaggio sotteso. Occorre evitare sovrapposizioni.
    Si addiverrà poi al messaggio generale dei 4 racconti. Ed Erasmo da Rottterdam , come personaggio, avrà il compito di evidenziare il messaggio finale del progetto.
    Può essere una graphic novel cartacea o digitale. Occorre ricercare un software ; as es videoscribe (Gosia potrebbe tenere un laboratorio) or Flipaclip, Comic life / e verificare il possibile uso di suoni.
    L’Idea è quella di far leggere un racconto di una delegazione , ad es. un racconto italiano, da studenti di altre delegazioni che dovranno leggerlo in italiano: ‘Let’s have fun with languages’
  3. Quali sono i metodi innovativi ed inclusivi in uso in Belgio?
    I colleghi di Blankenberge inviteranno esperti in inclusione oppure organizzeranno visite presso altri istituti specializzati
    Organizzare un questionario per studenti, docenti, presidi, per valutare il progetto.
  4. Gestione e disseminazione del progetto:
    Ciascuna delegazione provvederà a dissenminare i lavori svolti evidenziando il supporto da parte dell’Unione Europea.
    Valutazione generale del progetto: Riflessioni e conclusion.

Cosa fare prima di Blankenberge:

Ciascuna delegazione:

  • Preparerà la Graphic novel (in base alle indicazioni date) da portare a Blankenberge;
  • Implementerà la piattaforma Etwinning ( attività relative al 1°, al 2° al 3° e al 4° incontro);
  • Implementerà il Mobility tool dopo la creazione delle varie sezioni da parte del coordinator.

European Heritage: Opening minds for Integration and progress
Relazione C3 “ cittadinanza Europea per sollecitare l’inclusione”
–  Scambio di studenti dio breve termine a Campobasso – Italia – dal 14al 18 febbraio 2019 –

Participanti :

6 studenti da ciascun paese partner (Belgio, Polonia e Spagna), 18 studenti italiani ospitanti + 2 docenti accompagnatori per ciadcuna delegazione e docenti Italiano

Attività: 

Lunedì 14

  • Cerimonia di benvenuto presieduta dal Rettore e Dirigente Scoalstico , Rossella Gianfagna;
  • Presentazioni ufficiale delle varie delegazioni e cionsegna;
  • Incontro col Dott. Antonio Guglielmi del del Comune di Campobasso;
  • Attività rompighiaccio sul patrimonjio culturale Europeo, sul progetto Erasmus, e sulle politiche di inclusione;
  • Visita guidata della scuola sia per i docenti che per gli studenti;
  • Presentazione da parte delle varie delegazioni di eventi passati e presenti , a livello nazionale, che hanno contribuito allo sviluppo della UE. Lavoro di gruppo per delineare similitudini e differenze e relizzazione/presentazione poster „ Treasure Hunt under riddles“ per scoprire il centro storico di Campobasso: gli studenti suddivisi in gruppi cercano di capire gli indovinelli presenti nei QRcode e di trovare i siti della città a cui questi fanno riferimento, li annotano sulla mappa muta e cercano di tornare a scuola prima possibile per il premio. Poi vanno vanno alla ricerca della chiave per aprire la scatola contente il tesoro. Anche per gli insegnanti vi è una visita guidata del centro storico di Campobasso.

Martedì 15

Presentazione da parte delle varie delegazioni di episodi passati e presenti di intolleranza: Di genere, disabilità, di sesso, religione, ecc. Workshop in gruppi misti per discutere degli  episodi evidenziati e per analizzare i meccanismi inclusivi promossi dall’UE e per redigere  un articolo di giornale su ciò che bisognerebbe ancora fare per arginare tali episodi , sotto la  supervisione del giornalista, Dr. Gianfranco Carlon. Il miglior articolo è stato poi pubblicato su  Primo Piano, un giornale. Presentazione dei risultati della campagna di sensibilizzazione  per sollecitare l’inclusione. Workshop in gruppi misti per evidenziare e discutere delle similitudini e differenze .

Mercoledì 16

Alla scoperta delle terribili conseguenze della discriminazione, del pregiudizio, dell’intolleranza:

  • visita a Roma : Fosse Ardeatine
  • di esempi di inclusione:
  • Visite guidate a Roma: Ghetto Ebraico e Sinagoga

Giovedì 17

Alla scoperta del Patrimonio dell’Unesco:

  • Visita guidata di Matera (Sito del Patrimonio dell’Unesco e capitale Europea della cultura per il 2019) ; visita guidata ai Sassi di Matera , la terza città più antica al mondo con le sue abitazioni in grotte ;
  • Visita guidata di Trani e del suo Centro storico
  • Photo quest

Venerdì 18

Conferenza sul tema “Politiche dell’inclusione: riflessioni e prospettive”:  Intervento sul tema“Dall’assimilazione all’inclusione: L’importanza di un atteggiamento  interculturale” (“From assimilation to inclusion: the importance of an intercultural attitude”) della  Prof.ssa Flavia Monceri , Professore Ordinario di Filosofia Politica presso il Dipartimento di Scienze Umanistiche Sociali e della Formazione dell’Università degli Studi del Molise, secondo cui includere significa capire ed accettare, superare la diffidenza interiore, essere pronti a cambiare il proprio sistema valoriale.

Intervento da parte del Prof. Donato Toma, Presidente della Regione  Molise, sul tema “Inclusione sociale: politica Europea e regionale” “Social inclusion: European and  Regional policy” “Inclusione sociale: politica europea e regionale”, che ha illustrato le politiche  Inclusive messe in atto dalla Unione Europea e le priorità della politica egionale apportando esempi di buone pratiche come il progetto: “Dopo di Noi” e per la sperimentazione di soluzioni  innovative per la vita indipendente per persone con disabilità senza il necessario supporto familiare.

Intervento sul tema “I migranti: accoglienza, asilo e politiche di inclusione: esperinze in Italia e  Turchia” “Talk on “Migrants, welcome and asylum and inclusion policies : Italian and Turkish  experiences” , da parte del dr. Biagio Testa dell’ International Studies College di Campobasso che ha dimostrato che il flusso dei migranti verso l’Italia è inferiore rispetto a quanto comunicato dai  media, che i migranti usano l’Italia come mezzo per raggiungere altri paesi , che la loro
permanenza in Italia è più lunga del previsto a causa della burocrazia italiana . Ha rilevato anche qualche politica poca accorta da parte dell’UE come il concedere alla Turchia tanto denaro per trattenere i curdi lontano dall’ovest e oggi invece minaccia di aprire il ghetto in cui i curdi sono imprigionati per permettere loro di raggiungere i paesi europei.

Intervento sul tema “Pratiche di  inclusione di migranti e rifugiati: le nostre esperienze” Practices for the inclusion of migrants and refugees: our experience” da parte della Dott.ssa Maria Marcogliese, Operatrice  dell’Associazione “Dalla Parte degli Ultimi” e da parte di Mamadi Sawo, Mediatore Culturale  Cultural Mediator per fornire esempi di inclusione. Gli studenti compilano il questionario per valutare le attività svolte durante la settimana. Cerimonia di chiusura progetto e assegnazione premi ai vincitori della caccia al tesoro, agli autori  dell’articolo di giornale migliore.

Sabato 19: Partenza delle varie delegazioni.

Brussels

Italy